Il municipio di Lisbona multato per aver condiviso i dettagli dei manifestanti con le ambasciate straniere.

Il municipio di Lisbona è stato multato di 1,25 milioni di euro per aver passato i dati dei manifestanti alle ambasciate straniere che avevano fatto i picchetti. L’ufficio del sindaco avrebbe commesso 225 violazioni riguardanti i dati personali dei manifestanti tra il 2018 e il 2021. I loro dati sono stati condivisi con le ambasciate di diversi paesi, compresa quella della Russia, dall’ufficio dell’ex sindaco socialista Fernando Medina. Molte delle violazioni si sono verificate pochi mesi prima che lo scandalo diventasse pubblico, quando alcuni dei manifestanti hanno sollevato le loro preoccupazioni con il consiglio comunale. Si dice che l’ufficio del sindaco abbia passato informazioni sugli organizzatori di 52 proteste alle ambasciate, tra cui quella della Russia, di Cuba e di Israele. Più di 100 altre violazioni avvenute dal 2012 non sono state coperte in quanto precedenti all’introduzione del regolamento generale sulla protezione dei dati dell’Unione europea (GDPR) – che vieta tale condivisione dei dati – nel maggio 2018. Il rapporto ha aggiunto che alcune delle violazioni avrebbero potuto attirare multe fino a 20 milioni di euro ciascuna.

In una dichiarazione rilasciata venerdì, l’ufficio del sindaco, ora guidato dal socialdemocratico Carlos Moedas, ha detto che tale decisione è una “pesante eredità che la precedente leadership ha lasciato al popolo di Lisbona”. “Valuteremo questa multa in dettaglio e il modo migliore per proteggere gli interessi dei cittadini e dell’istituzione”, ha aggiunto la dichiarazione.

Una delle persone colpite dalle violazioni è Ksenia Ashrafullina, una russo-portoghese che ha organizzato una manifestazione fuori dall’ambasciata russa a sostegno del critico del Cremlino, Alexei Navalny.

Ha accolto con favore la decisione, ma ha avvertito che le fughe di notizie potrebbero avere effetti duraturi sulle persone coinvolte. “Sono preoccupata per quello che succederebbe se avessi mai bisogno di tornare in Russia”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters. La rivelazione delle violazioni dei dati ha causato una significativa controversia la scorsa estate, e si ritiene che sia stato un fattore importante che ha contribuito alla sconfitta del sindaco Medina nelle elezioni dello scorso anno.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.